Consigli di giardinaggio: cura e manutenzione della Poinsettia

stella_di_natale_rosa
La poinsettia, più comunemente conosciuta come Stella di Natale, è una delle piante più diffuse nel periodo natalizio e spesso nel corso delle Feste ci troviamo a riceverla in dono oppure siamo tentati di acquistarla per rallegrare la nostra casa. Talvolta preferirei che, trascorso il Natale,  si potessero riportare indietro al vivaio, come si fa sovente con
gli alberi di Natale, in modo che possano essere spedite  nel paese di origine, il Messico, o in qualsiasi altro Paese a cavallo dell'Equatore, dove fa più caldo e ci sono  periodi in cui il giorno e la notte hanno esattamente la stessa lunghezza. Sì, perché il segreto per far fiorire di nuovo le Stelle di Natale è quello di tenerle alla luce e all'oscuro per un periodo stabilito. Di fatto, mentre nei paesi originari si sviluppano come cespugli e anche veri e propri alberi, da noi è molto difficile coltivarle ed ancor più farle rifiorire. Comunque, per i più ardimentosi, vi specifichiamo di seguito alcune regole colturali e... buona fortuna!

1. Appena ricevete in dono o acquistate una Poinsettia, cambiatele subito il vaso, scegliendo un vaso leggermente più grande di quello con il quale vi è stata consegnata e soprattutto  preferendo un vaso di coccio ad uno di plastica-

2. Consiglio vivamente di tenere una poinsettia in casa, non sul balcone in preda alle intemperie. Deve stare al caldo in un posto luminoso,ma non esposta direttamente ai raggi del sole.

3. Caldo sì, ma, come del resto tutte le piante, non tenete mai una Stella di Natale vicino ad un termosifone, sistematela preferibilmente vicino ad una finestra.

4. Aspettate che il terriccio sia un po' asciutto prima di innaffiarla di nuovo. Evitate assolutamente i ristagni di acqua


stella_di_natale_rosa

5. Non appena cominciano a sfiorire, o comunque entro la primavera potatele vigorosamente.

6. Fertilizzate una volta al mese con concime liquido a base di potassio e fosforo. Intensificate la concimazione nel periodo autunno-inverno.

Se non fioriranno di nuovo, potrete comunque apprezzare le poinsettie per il loro fogliame, che ben si accosta ad altre piante di color verde scuro per formare composizioni negli angoli della casa o su una veranda.

Buon lavoro


stella_di_natale_bianca

stella_di_natale_bianca

Lo sapevate che la Versilia è la capitale delle Stelle di Natale?

Cinque milioni di stelle di Natale della Versilia. Un milione finiranno sui mercati Europei. Nonostante il maltempo e la crisi economica che ha caratterizzato l’ultimo anno con le accise ad aggravare ulteriormente la situazione del comparto, la Versilia del florovivaismo d’eccellenza e dell’agricoltura eticamente sostenibile, si conferma, anche in questo difficilissimo momento storico, il principale polo nella produzione di poinsettia. Una trentina le aziende leader di questa particolare produzione, tra monofloroa e uniflora, che hanno trasformato, con sacrifici ed investimenti, la Versilia nella capitale della stella di Natale generando complessivamente un fatturato che si aggirerà intorno ai 15 milioni di euro. Per cinque milioni di famiglie “la stella di Natale prodotta in Versilia – spiega Dina Pierotti, Presidente Provinciale Coldiretti – sarà un elemento imprescindibile per festeggiare le festività. Un fiore simbolo del Natale e delle feste che non può mancare. Per la Versilia rappresenta invece un elemento di marketing per tutto il territorio e uno straordinario strumento di pubblicità soprattutto nei confronti dei mercati esteri dove è sinonimo di eccellenza e di qualità delle produzioni”. Secondo i dati raccolti dalla Coldiretti Provinciale (info su www.lucca.coldiretti.it) e dal Consorzio Toscana Produce il 30% delle stelle prodotte è destinato alla grande distribuzione, un altro 30% ai negozi e il 30% nei Garden Center. Molti sceglieranno in alternativa alla poinsettia ciclamini, lilium e gigli: altre produzioni storiche della Versilia dei fiori. L’altro segnale importante arriva dai produttori che hanno annunciato il “congelamento” dei prezzi. “All’ingrosso – sottolinea Marco Carmazzi, Presidente del Consorzio Toscana Produce – non subirà variazioni rispetto al 2009. Il costo alla produzione non sarà ritoccato variando da 1-1,5 euro per la monoflora fino ad un massimo di 25, massimo 30 euro per le stelle più grandi ad alberello. Del volume complessivo solo il 10% dell’utile netto resterà ai produttori; il resto si disperderà nella filiera”. Altra cosa il dettaglio: 2,50 euro per le piantine più piccole sino a 30 per quelle più grandi in vaso. Se però passiamo alla poinsettia ad alberello i prezzi possono raggiungere i 70-80 euro. L’importante resta, come ogni anno, scegliere dal fioraio o al negozio, stelle di Natale della Versilia. “Chiedetelo espressamente al commerciante – spiega Cristiano Genovali, Vice Presidente Provinciale Coldiretti – o leggete bene l’etichetta di produzione. Scegliere il Made in Versilia significa sostenere il territorio e contribuire a fare della Versilia la capitale del fiore più bello del Natale”. Fonte:Ufficio stampa redazione virtuale Andrea Berti